Libero Pensiero

Sono confuso – Libero Pensiero

Game

Forse Diego compra PS5. Forse compra Xbox Series X. Forse non compra nulla. Chi può dirlo? Nemmeno lui a quanto pare!

Forse Diego compra PS5. Forse compra Xbox Series X. Forse non compra nulla. Chi può dirlo? Nemmeno lui a quanto pare!

Novembre 27, 2020

Sulle nuove console, su Nintendo, su tutto

Sono un po’ confuso. Sono un po’ confuso perché tutti intorno a me sono eccitati e io non lo sono. Tutti sono in preda all’emozione, ma io non lo sono. E sono felice per loro: il lancio di una nuova console è sempre una gran cosa e nonostante non provi più quella emozione, intendo non la provo più così intensamente (e sto clamorosamente mentendo su questo), mi sarebbe piaciuto che Nintendo avesse fatto uscire una console nuova o almeno una nuova versione di switch per sentirmi anche io al centro del mondo, fare lo sbruffone sui social, chessò.

Devo essere sincero: le nuove console non mi emozionano affatto. Xbox Series X (non sentivo un nome tanto brutto dai tempi di Street Fighter 2) mi convince perché la struttura della console lascia presupporre un gran bel lavoro dietro. Non esagero dicendo che forse Xbox non mi ha mai convinto così tanto prima di questo preciso momento, il Game Pass è davvero una figata (Nintendo, muoviti in quella direzione, dai) e probabilmente il joypad sarà il migliore della generazione, ancora una volta. La paura però rimane la stessa degli anni passati: delle due console devo prenderne una e con Xbox mi verrebbero a mancare almeno un paio di esclusive a cui terrei giocare, senza considerare un futuro incerto che Sony sembra dare per assicurato per ogni console che sforna.

Rare Replay su Wii U
La migliore uscita Rare dal Gamecube. E con Series X potrei ignorarla di nuovo!

Di contro penso di non aver mai provato così tanto ribrezzo per una forma di una console, e lo dico a malincuore, dato che seppur non ho mai giudicato le PlayStation come belle console in quanto a costruzione (estetica + funzionalità) del case, con la Playstation 4 fat mi sembrava che avessero fatto passi da gigante. Credo proprio che aspetterò una revisione hardware pesante prima di far entrare in casa PlayStation 5, davvero, è così grande che non saprei proprio dove metterla a meno di togliere un minimo di due console dal mobile.

In generale però, sebbene provi una smania irrefrenabile per avere qualcosa di nuovo, la realtà dei fatti è che in questa nuova gen non vedo novità così palesi da indurmi a spendere più di €500 in un periodo in cui sicuramente non sono più ricco di prima e probabilmente dovrei mettermi in mano a uno scalper, dato che la distribuzione di queste nuove console è così scandalosa che in confronto la distribuzione dell’acqua da parte di Immortal Joe ai suoi sudditi sembra più equa (lo dicevo da piccolo, che avrei dovuto essere un calciatore, così oltre a essere ricco, avrei avuto una console gratis).

Cioè, guardate quanto è grande, una roba che non ci si crede proprio

Forse la verità è che sono invidioso, forse avrei voluto che Nintendo uscisse nuova console, forse guardo Nintendo Switch con meno amore di prima perché in portatile va solo a 720p 60 FPS max, mentre le nuove console vanno a velocità e risoluzioni inventata apposta per loro, e da un lato non mi frega nulla, ma dall’altro vorrei anch’io quelle cose.

Nintendo poi non aiuta affatto a mettere sotto chiave la scimmia, perché questo Natale fondamentalmente abbiamo solo Hyrule Warriors: L’Era della Calamità, che giocherò con gran piacere e gusto perché in coppia con Mari ed è palesemente figo per quel che riguarda personaggi e setting. Peccato che Nintendo, che in passato era stata la regina del hype, tenendo tutti col fiato sospeso in attesa di del Super Nintendo o perfino di un controller di una console, vedi enciclopedia della storia sotto la voce Nintendo Wii, da un bel po’ di anni se ne frega di creare attesa tra i fan per un gioco, concentrando tutte le info proprio a ridosso dell’uscita.

Lo sto aspettando come non so cosa

Probabilmente sarei meno confuso se Nintendo avesse fatto uscire un’altra bombetta questo Natale. Probabilmente mi metterei l’animo in pace pensando ok, per il momento compro queste cose in attesa della prossima console Nintendo. Ma non è così. Vedo in giro unboxing, vedo la gente emozionarsi, vedo gli amici portare a casa scatole chiuse, e sparire per giorni. Mai mi sono sentito come un vecchio invitato a una festa di Teenagers come adesso, e dire che ho anche superato i 30 e già da un bel pezzo. Tuttavia sono confuso.

Perché gli stessi amici che hanno comprato una console e ne dicono meraviglie, poi mi parlano di giochi della Current Gen, o un pelo meglio. Mi dicono che forse era meglio cambiare anche la TV. Una volta un lancio di una console era qualcosa di epocale, nel senso letterale, segnava un’ epoca di distacco dalla precedente. Adesso mi sembra solamente un aggiornamento della scheda video di un PC qualunque, qualcosa di poco speciale, il reiterarsi di una festività natalizia In un’era di tristezza generale.

Questo case fa sembrare il PC come una Xbox Series X. Che confusione!

Sappiamo tutti che non c’è niente da ridere, che ci romperemo le palle, che i parenti fanno schifo. Però è giorno 25, e dobbiamo festeggiare lo stesso. Così non importa se la gente comprerà una console nuova per giocare a giochi con una differenza minima o in attesa che gli sviluppatori possano brasare la cpu per benino, magari fra un anno o addirittura due, magari quando sarà uscita una versione Slim ed esteticamente più gradevole di PlayStation 5 (soltanto allora pondererò l’acquisto, mi spiace scoprirmi superficiale, ma la vita è troppo breve per circondarla di cose che si detestano), e molti di noi avranno anche cambiato televisore.

Nel frattempo adesso c’è chi è felice, anche se accanto alla nuova console hanno ancora la vecchia che fa girare il gioco pressappoco nella stessa identica maniera. Arrivati a questo punto del pezzo, mi scuso. Mi scuso perché chi non sta provando la mia sensazione sta pensando che questo è il classico articolo di un rosicone, un pezzo che non sarebbe mai nato se fossi impegnato a scartare una nuova console. Difficile ribattere a questa obiezione.

Così sarebbe quasi bella. Ma le dimensioni…URGH! Mockup by Snoreyn

Forse sono troppo legato ancora ai miei tempi, a quando una console nuova voleva significare qualcosa di più, sono cambiati i tempi, e non vedremo più un passaggio come quello dal gioco 2D al gioco 3D. O magari una caratteristica della console che rivoluziona il gameplay (o quantomeno il modo in cui quel gameplay viene fruito), portando un nuovo modo di giocare come avvenuto con Nintendo Wii, Nintendo DS e perfino Nintendo Wii U. Forse è per questo che sono confuso.

Perché sono cresciuto con Hiroshi Yamauchi che diceva che la gente vuole i giochi e per la console si dovrebbe spendere il meno possibile perché è solo una macchina che serve per arrivare ai giochi, un impedimento quasi. E sono confuso perché solo due o tre anni fa mi sembrava che Sony e Microsoft, e mettiamoci anche Google e Amazon, stessero facendo la Nintendo, con il VR e il gioco in streaming.

Il futuro del multiplayer LOCALE. Questa foto mi fa morire

Forse hanno fatto un passo più lungo della gamba, e i tempi non erano ancora maturi, forse è stato un modo per prolungare artificiosamente la vita di una generazione che non aveva molto da dire per poter finalmente approdare a una generazione che da dire mi sembra abbia ancora meno. E da questo punto di vista, dovrei essere contento di non essere ancora costretto a sborsare mezzo milione di vecchi euro, anche se vorrei. Ve l’ho già detto che sono confuso?

Forse tutto quello che vorrei, in fondo, è che Nintendo smettesse di contare i soldi e mi mostrasse qualche gioco su cui sbavare convulsamente e non un game&watch ultramegararo da collezione che hanno tutti, e buggato per giunta.

Game-Watch-copertina-2-nintendon
Ok, bellino, ma il fatto che va attaccato alla corrente… Che portatile è? Il Game Gear?

Forse ho un vuoto nel cuore che un produttore di videogiochi non può colmare, forse dovrei prendere un cucciolo, forse dovrei vendere i miei vinili e andare a vivere in montagna. Ma prima farei meglio a contare quanti forse ci sono in questo articolo, e aspettare che passi, quantomeno, questo fantasmagorico 2020, perché mi sa che non è solo una cosa mia, e che di questo anno, nessuno ha capito un bel niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *