News

Un hacker è stato arrestato per aver venduto salvataggi modificati di Zelda: Breath of the Wild

Game

Non è riuscita a farla franca il venditore di salvataggi illegali di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, che si offriva di modificare i dati a pagamento.

Non è riuscita a farla franca il venditore di salvataggi illegali di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, che si offriva di modificare i dati a pagamento.

Luglio 11, 2021

Ma ci sono anche dei complici

Non è la prima volta che sentiamo parlare di salvataggi “hackerati” scaricabili per i giochi Nintendo, ma raramente capita di sentire di una persona che offre un simile servizio a pagamento.

La storia è iniziata lo scorso aprile, quando un certo Ichimin Sho, un 27enne di origini cinesi, pubblicizza su un sito di e-commerce giapponese un certo salvataggio chiamato “ultimate save data” di The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

Potrebbe interessarti: Una copia del primo The Legend of Zelda per NES è stata venduta per la cifra record di $870.000

Questo salvataggio non aveva nulla di “definitivo” come recitava il nome, ma si trattava semplicemente di dati modificati, e veniva offerto all’acquirente di inserire all’interno dello stesso salvataggio qualsiasi cambiamento richiesto: da statistiche migliorate, ad abilità già sbloccate, fino al completamente del gioco già raggiunto. Il prezzo di tale servizio sarebbe stato di 3500 yen (ovvero poco meno di 27€), e Sho è stato in grado di guadagnare con questo metodo fino a che, un giorno, uno dei suoi acquirenti si rivelò essere la Polizia della Prefettura di Niigata, dichiarandolo in arresto.

Si è venuto a scoprire che l’attivita di Sho era iniziata già nel dicembre del 2019, guadagnando in questo tempo più di 10 milioni di yen. La violazione per cui Sho è stato accusato è di “aver fornito servizi a pagamento per aggirare restrizioni tecniche poste sullo Switch da Nintendo”, dato che il ragazzo si è limitato solo a vendere il prodotto. Il creatore dei salvataggi è un’altra persona, un complice di cui ancora non si conosce l’identità.

Che ne pensate di questa storia? Avete mai visto qualcuno vendere salvataggi illegali su internet?

Fonte: soranews24,

One thought on “Un hacker è stato arrestato per aver venduto salvataggi modificati di Zelda: Breath of the Wild

  1. Pingback: Zelda: Breath of the Wild, ecco alcuni interessanti trick dal Nintendo Minute - NintendOn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *