Nintendo rimuove dall’eShop un gioco che nascondeva un editor di codice

Quelli che arriveranno non saranno certamente giorni tranquilli per lo sviluppatore

Nintendo ha da poco rimosso un titolo indie dall’eShop a causa di una grave e piuttosto singolare violazione delle linee guida stabilite dalla compagnia.

Il titolo di cui si parla è A Dark Room, un’avventura di tipo testuale pubblicata su Nintendo Switch agli inizi di aprile. A quanto pare il gioco al suo interno nascondeva un editor di codice ed un interprete Ruby, inseriti come “Easter Egg” a detta di Amir Rajan, responsabile del porting del titolo.

Nintendo rimuove gioco con editor di codice Ruby da eshop

Il Ruby è un linguaggio di programmazione ad alto livello e dunque, tramite editor ed interprete, sarebbe stato teoricamente possibile per gli utenti sviluppare ed eseguire proprie applicazioni, una vera e propria Ruby Machine insomma. Chiaramente le applicazioni sarebbero state legate al gioco ed eseguibili solo aprendo il gioco stesso (una sandbox), ma in un sistema chiuso come Switch è palese che una cosa del genere sia vietata per altri possibili risvolti.

Nel video sotto potete ammirare l’editor in azione:

Considerato che Amir ha parlato pubblicamente (tramite post su ruby.social e Twitter) della presenza di editor e interprete, è piuttosto evidente che abbia agito ingenuamente ed in buona fede. Ad Eurogamer ha spiegato di non essersi reso ben conto della questione e che i media e la community stessa hanno finito col peggiorare la situazione.

In ogni caso Nintendo ha rimosso immediatamente il gioco, ed è altamente improbabile rivederlo, benché se ne stia discutendo… così come è poco probabile che Amir riveda un suo lavoro sullo shop Nintendo. Che cosa ne pensate?

Fonte: Eurogamer