Nintendo Switch: non è una console per vecchi lamentoni – Libero Pensiero

libero-pensiero05-1280x720

Fresco fresco di Nintendo Direct, il cervello del Nintendaro torna a mettersi in moto per elaborare se, quanto successo la sera prima, sia stato uno spettacolo realmente soddisfacente o un sublime inganno ad opera di chi ha impostato scalette e tempi degne di un capodanno cinese. Posate le polveri sì, pare proprio che quanto ci sia stato fatto vedere ricada ancora nel campo del “buono ma si poteva fare di più”, con alcune sorprese, qualche novità e molto di già visto. Eppure proprio dopo mercoledì sera ho acquisito una maggiore fiducia sul futuro (perché lo stato attuale delle cose non è esente da critiche ma… ne parleremo in altra sede) di una macchina che fatica ad impressionare chi, probabilmente, non verrebbe mai impressionato davvero neanche Switch dovesse diventare l’ultima console sul pianeta.

vecchi lamentoni

“Un mondo solo con Switch… che mi tocca sentire!” (cit. vecchio lamentone)

È necessario un passo indietro ad un momento “Pre-Direct” che mi ha visto partecipare ad una cena con amici, di cui uno curioso di vedere la nuova console in quanto nostalgicamente legato a Nintendo sebbene ormai non più praticante videoludico… ovvero niente console in casa da diversi anni. Finita la cena e il caffè, modalità tabletop e via di Snipperclips e Waku Waku 7 (tutti possono sbagliare, ma sto aspettando Ultra Street Fighter II e nel mentre gioco cose che non conosco), con sorrisi e complicità dei vecchi tempi andati. Senza fronzoli, senza lamentele sulla grafica, senza brontolare: solo divertimento. “Ehi, ma hai Bomberman? Figo, proviamolo!” e allora dritti sulla TV, perché la tenzone esplosiva necessitava ovviamente di adeguato palcoscenico e via si sono susseguiti una serie di scontri in cui vecchi ricordi si mescolavano all’apprendimento di nuove meccaniche. Qualche urlo di disappunto, improperi contro la CPU che stava per portare a casa la vittoria e grandi congratulazioni per il rimontone che mi ha permesso di portare a casa il successo.

Non poteva però mancare Breath of the Wild, la cui fama è ormai dominio pubblico anche per i non addetti ai lavori – o i sassi. L’atmosfera cambia, il ritmo si abbassa e si dà il via ad una nuova avventura che – inaspettatamente – ci ammalia oltremodo sullo schermo 40″ per la ricchezza di colori e definizione, quasi che le continue grufolate dei lamentoni da web mi avessero infine convinto che il gioco in modalità TV non fosse così bello da vedere, approfittando del fatto che la mia partita è stata vissuta interamente in modalità portatile. Una prova di quanto sia facile trasformare in realtà (percepita) anche la più sciocca menzogna, qualunque sia il campo e il soggetto. Aumenta dunque il fastidio verso i lamentoni e al tempo stesso la consapevolezza di come in pochi minuti si sia passati attraverso esperienze differenti senza soluzione di continuità e senza disguido alcuno, nonostante i titoli appartenessero a generi, ere e stili grafici ben differenti.

vecchi lamentoni

Passare da uno all’altro così, facendo finta che metacritic sia un optional… perché non siamo lamentoni.

Eccola la forza di Switch: la capacità di incarnare la “macchina mutaforme” che è in grado di adattarsi ad ogni necessità del momento, a prescindere dal numero di sticazziflop che è in grado di generare l’architettura Nvidia Tegra X1. A che serve scervellarsi sui limiti dell’hardware se poi si perdono di vista le enormi potenzialità? Anche nel recente Direct tra tutti i nuovi annunci abbiamo visto apparire degli shump come Sine Mora EX, FPS cooperativi come Payday 2, RPG a turni come Battle Chasers Nightwar, action ignoranti come Fate Extella e vere gemme incomprese come Monopoli (noi ridiamo ma sarà totale, sicuro 100%, parola di Giovanni Rana). Facile mettere in discussione la validità di questi software o la loro attualità, ma nell’ottica mutaforme di Switch si tratta di esperienze che si incastrano in ogni momento della giornata a seconda delle nostre necessità… velocemente, senza chiacchiere: un multi locale a Payday 2 in quattro e poi una partita a Monopoli per poi scannarsi a Mario Kart 8 Deluxe? C’è una console che te lo permette, senza avere duemila apparecchi collegati e altre scomodità di sorta. Lo fa “on-the-fly”, con la promessa di aggiungere nuovi titoli ed esperienze.

Le differenti modalità di gioco cambiano anche la percezione degli stessi giochi. Retrogame o indie dalla realizzazione estremamente semplice potranno sì sfigurare sulla TV, ma fatti girare sul brillante schermo portatile diventano vivi, colorati, pimpanti e sorprendentemente adatti all’esperienza. Al di là del costo dei singoli software, quanto è bella l’idea di trovarsi con amici e piazzare la consolina nel mezzo di un tavolo per spaccarsi a Garou o Neo Turf Masters? Sì, non per forza i grandi titoli Nintendo, ma anche questi sottovalutatissimi giochi che “sono vecchi”, “costano troppo”, “me lo emulo su pc” e tutte le altre megaballe lamentose di chi poi, a conti fatti, queste esperienze se le perde e non le sostituisce con niente di simile. Avanzare rimostranze per il gusto di farlo, non per reale insoddisfazione: sport nazionale dei vecchi lamentoni.

vecchi lamentoni

“Sono un vecchio lamentone ma cazzo se me lo gioco Neo Turf Masters al bar! Vai col grappino!”

Allora diventi sempre più curioso, cerchi di cogliere tutte le sfaccettature e le possibilità di un’offerta che ti rendi conto essere sempre più originale. Basta dunque che un tuo amico, di cui hai appena inserito il codice sulla console, mostri nella sua lista giochi un titolo giapponese che non conoscevi e BAM: “Cos’è?” e “Ma come fai a giocarlo in giappon- ah è in inglese?“. Guardi un trailer, ti fai convincere (e guidare dall’entusiasmo proprio di chi non è un lamentone) ed eccoti su Play Asia a comprarti una card eShop da 1000 yen da riscattare sull’account nipponico che già avevi creato al lancio per provare la demo di Dragon Quest Heroes I & II. Riscatta, scarica e fai partire: scopri addirittura che questo Kamiko è in inglese di default, avendo rilevato i settaggi del tuo account principale.

Ci giochi un pochetto a questo “Mini Zelda” con grafica 2D tanto pixellosa quanto semplice e azzeccata… forse non te ne innamori come speravi quando hai visto il trailer, ma ti ricordi che ti è costato 5€ scarsi e che potrebbe essere l’inizio di una vita da “eShopper region free” che mai avresti immaginato in altre occasioni o su altre console. E dai, poi se ci giochi bene quando sei più rilassato, e non mentre cerchi di scrivere un pezzo per NintendOn (true story, ci stavo giocando prima di scrivere queste precise righe), sicuro lo apprezzerai di più. Magari inizi pure a pensare di prendere Disgaea 5 digitale dallo shop JP perché è comunque in inglese e forse, alla fine, ti viene pure meno. Quanta scelta, quanta libertà. Solo un vecchio lamentone potrebbe non apprezzare una console come Nintendo Switch.

nintendon kamiko vecchi lamentoni

Non ti conoscevo, ma ora vorrei conoscerti di più… un caffè? Tanto mi porto la console dietro!

A parte le costanti bordate ai “vecchi lamentoni” – non me ne voglia nessuno, sono le classiche generalizzazioni facilone per far capire determinati concetti – trovo davvero poco furbo continuare a sottolineare, evidenziare e inoltrare ad ogni antenna e satellite conosciuto quanto la nuova console Nintendo sia carente sotto alcuni punti di vista quando basta davvero poco per rendersi conto che è la macchina delle possibilità. Questo per il consumatore è l’elemento cardine, la pietra angolare su cui costruire esperienze nuove. Talmente nuove che ci troviamo a vivere l’avventura più leggendaria di sempre con l’amato Link sul nostro LED da millemila pollici e poi, in uno schiocco di dita, siamo sul tavolo a “suonare” via touch sui tasti virtuali di Voez. Così, come se fosse la cosa più normale per un videogiocatore. Una normalità che speriamo davvero possa essere apprezzata e condivisa… lamentoni permettendo.

  • Sempre e comunque #vecchidimerda

    • Diego Inserauto

      Ma stai zitto #bimbominkia e vai a giocare un megamen a caso che non ne hai mai giocato uno.

      • Mauro

        Buahahah Ma Daniele di che anno sei?

        • 95

          • TheMick

            Ma nel 2013 avevi 4 anni (semicit)

    • Zenox (Luigi)

      Non hai mai giocato ad un Megaman? Che ci fai qui? Vai a prendere la Legacy collection

  • Zenox (Luigi)

    Di solito questi “lamentoni” sono per la maggior parte persone che fino a ieri manco gli fregava di Nintendo, ma che devono dire la loro per far il bastian contrario per frenare l’entusiasmo di altri. Questa direct lo adorata, ok che non ci sono stati grandi annunci, ma tutta roba piccola e a raffica, giochi che stanno ampliando la ludoteca Switch, utenti che hanno cosi “fame” di giochi su questa console che sta comprando di tutto, per vedere come si gioca su Switch (Kamiko lo bramo essendo un seguito di Fairune visto che c’è la protagonista del gioco tra i personaggi giocanti, ma sono sicuro che arriverà sul nostro shop e lo aspetto). Cioè già pochi mesi d’uscita e c’è già più varietà rispetto ad anni di Wii u, è fantastico. Poi Monopoly a prima vista sembra un giochino, ma su Switch ha un suo perché, senza scatola e pezzi, solo con console e due joy-con e si gioca ovunque. Switch l’adoro proprio per la sua versalitá, per chi si aspettava una ps4 con scritto Nintendo sopra, mi dispiace che rimarrà deluso.

    • Pietro Spina

      Il bello di saltare da un’esperienza all’altra senza avere l’impressione che ti manchi qualcosa… forza numero 1 di Switch 😉

      • Dov’è Doom, dove?

        • Pietro Spina

          Non intendevo mancanza di giochi, ma di periferiche, monitor o collegamenti.

          Cmq sì: dov’è?

          • Ah si quello si, esperienza seamless perfetta.
            Comunque ho il sentore che per fine 2017 Switch si sarà riempito di un bel po’ di robetta.

          • Zenox (Luigi)

            Doom su Switch penso che sarebbe la figata più figata dell’umanità.

    • Sumiwake

      “utenti che hanno cosi “fame” di giochi su questa console che sta comprando di tutto”

      Vero, io sto comprando di tutto supportando gli sviluppatori, per ora indie, ma in futuro anche terze parti, oltre ovviamente ad acquistare l’esclusive Nintendo.
      Inoltre dalle tante possibilità che ti offre la console finisci per comprare giochi che magari in altre situazioni non compreresti, o che magari giocheresti altrove anche, però non lo fai per via delle potenzialità della console.

  • È una console per giovani lamentoni

  • usodabada

    In realtà è una console per vecchi.
    Possiamo giocarla senza alzarci dal letto, così non dobbiamo neanche scomodarci e levare il pappagallo, tanto ci penserà la moglie o per i più fortunati una giovane infermiera. Possiamo portarcela dietro quando andiamo a fare la fila alla posta per ritirare la pensione e concludere la partita una volta tornati a casa con la busta dei soldi ben nascosta nei mutandoni. E possiamo mantenerci in forma con qualche gioco di “movimento”. Tra l’altro a breve uscirà anche Senran Kagura possiamo tornare a provare le gioie di tastare un bel paio di tette/natiche sode come quando eravamo giovani visto che ormai quelle della nostra compagna sono rinsecchite e cadenti o per i più sfortunati ci troviamo da qualche anno da soli in casa, compensando la solitudine con partite a Zelda, Indie e video su internet.

    • Pietro Spina

      Mannaggia i pescetti è un commento che è una sentenza! =D

  • Mauro

    Zelda solo su portatile??? Io per il 90% del tempo l’ho giocato sul 43″ e il restante 10% in treno.
    In giro per comodità (e tascabilità, sul serio, mi entra in tasca mentre switch no) porto ancora la 3DS

    • Pietro Spina

      Eh boh, ho iniziato in portatile per necessità e mi ci sono immerso!

      • Sumiwake

        Idem, ho fatto soltanto la parte finale sulla TV, sul tablet è un goiellino

  • Massimiliano

    Mi insegnate a comprare dagli store esteri? Ho creato l’account ma non so come pagare…

    • Pietro Spina

      Una volta che hai creato l’account per lo store che ti interessa, basta comprare online le eShop card relative (le trovi su Amazon.com o PlayAsia.com) e riscattarle inserendo il codice. Niente carte di credito al momento 😉

      • Massimiliano

        Grazie! Ci provo subito 😉

      • TheMick

        Credevo fosse più complicato, mi sa che ci provo anche io.

  • lessthanless

    dal 3 Marzo di quest’anno ho ritrovato la voglia di videogiocare…. amo la mia switch e mi ritrovo interamente in queste righe quando parlo di questa console con mio fratello che è del 71… Lui è pro playstation sin dall’inizio… a Parte il gameboy e il supernes, nintendo non esite piu per lui… quando però gioca a Zelda, su un conto che gli ho creato sulla mia console, per ore intere criticando comunque il fatto che i tasti sono diversi dal dualshock e che lo urta, che Link, quando arriva sull’orlo di un precipizio, potrebbe, in automatico rigirarsi e agrapparsi… che poi però, dopo poco meno di dieci minuti non sento piu rumori a parte quello dei tasti e che vedo la sua faccia con su sopra un sorriso ebete mentre si susseguono i gameover capisco che è il momento di salvare, di proporgli di andarsi a fumare una sigaretta (ho smesso da gennaio) per fare un break. lui è d’accordo e mi dice di si senza staccare lo sguardo dallo schermo. lo scuoto, riprendo il controller, salvo, gli dico di andare sul terrazzo che arrivo… con la switch… e li, poggio la console sul tavolo porgiandogli uno dei joycon e metto su metal slug 1… cosi passiamo un week end intero… i suoi dubi sono ormai andati: Switch è davvero una gran bella console.. ma non se la prenderà mai… o forse, se lo fa, sarà per suo figlio… insiomma… anche i vecchi brontoloni un minimo si “sciolgono” di fronte a quel che spero sia il nuovo Gameboy, il nuovo ds… insomma, un gran successo.

    • Simone Tarasca

      Bellissimo articolo e bellissimo il tuo commento, in cui mi rivedo molto.
      Classe ’78, ho iniziato a giocare “seriamente” sul primo nes, mi sono innamorato del Super Nintendo e poi ho smesso di videogiocare su console fino alla generazione Wii/Ps3. Dopo la delusione della Wii (principalmente per mancanza di titoli “seri”, pochi capolavori e veramente troppi giochi casual) mi ero ripromesso “mai più una console Nintendo”.

      E invece…

      Ho cercato di resistere all’impulso di comprare la switch, ho retto solamente una settimana dal giorno del lancio, e poi ho ceduto portandomela a casa con una copia di Zelda.

      E’ stato subito amore. Mi ritrovo ad aspettare spasmodicamente l’uscita di alcuni titoli (Mario Kart, Wonderboy) così come non mi accadeva da anni; gioco, mi diverto e sorrido come non credevo fosse più possibile, una sensazione che non è riuscita a trasmettermi nessun gioco su Ps4, e dire che i “gioconi” su questa console non mancano: The witcher 3, Persona 5…eppure, nessuno di loro mi ha catturato come l’ultimo Zelda.
      Forse invecchiando si ritorna un po’ bambini, (ripensando alle critiche che da sempre vengono rivolte alla Nintendo, e cioè di fare prodotti per i preadolescenti), forse, più semplicemente, si impara ad apprezzare maggiormente l’arte e la magia che, in quel di Kyoto, sono di casa.

      Nel frattempo, senza farmi troppe domande, mi godo la mia switch e la sua magia, in attesa dei nuovi titoli che arriveranno presto.

      • lessthanless

        Ah… io son del 82.
        Si…. È vero! Diciamo che su ps4 solo pochi titoli mi han fatto rimanere incollato allo schermo… Per poco più di una settimana…

        Anch’io rivivo la cosa dello stare trepidanti nell’attesa dell’uscita di giochi! Ogni giorno mi aspetto news di qua di là su switch… Infatti è così che ho o scoperto questo sito di Nintendari (Che bello che è)….

  • Xmoritz

    Scusate l’ignoranza, ma come si crea un account per andare sull’e-shop giapponese? Devo scegliere giappone come regione all’atto della creazione dell’account? È lecito?

    • Xmoritz

      Comunque, sono d’accordo anch’io che tanta gente si lamenta solo per sport senza fornire motivazioni valide..

    • Si, lecito, approvato da Nintendo stessa. Cambi la regione della console.

      • Xmoritz

        Ho trovato un video di istruzioni su youtube. Un po’ più complicato, ma ho fatto un account nuovo con regione giapponese e mi basta sceglierlo quando vado sull’eShop. Che figata! Ora mi farò pure un acciunt USA

  • shady8044

    Hai colto in pieno le sensazioni che ho usando Switch e che già avevo prima ancora di prenderla. Avrò 36 anni, ma mi rendo conto piuttosto che sono i giocatori più giovani spesso ad essere più chiusi alle novità di Nintendo. Sony e MS da tempo stanno facendo il lavaggio del cervello ai giocatori su quanto sia importante la resa grafica, su quanto siano migliori i giochi che ti offrono un’esperienza cinematografica ed il risultato è lampante. I giocatori cresciuti sotto l’ala di Sony o MS non riescono a staccarsi da questi dettami, io che gioco dai tempi del Vic 20 sì e le potenzialità di questa nuova console le ho intuite da subito. Sono sposato e ho due figli piccoli e il tempo e lo spazio per giocare in santa pace di sono ridotti all’osso. Auspicavo una console così da quando cominciai ad assaggiare l’offtv su WiiU ( che portavo pure al lavoro facendo turni di 24h che mi lasciano un riposo di 2-3h in quella giornata). Potenzialità limitata dal doversi portare dietro tutta la console. Switch evolve questa feature, rendendola più semplice inglobando anche le features di Wii migliorandole. Il risultato è che Switch è diventata la mia compagna di gioco ideale con una naturalezza che non mi aspettavo tanto da avermi convinto a vendere Ps4 (che per i problemi logistici citati sopra non riuscivo ad usare nel modo che avrei voluto). Gioco con mia moglie in doppio alla demo di Puyo Puyo ( aspettando MK 8DX e la versione completa ) per poi passare in un attimo a Zelda o Snake Pass e non nascondo che preferirei poter giocare qualsiasi tipo di gioco sulla nuova console proprio per le sue caratteristiche. Dei Teraflops me ne sbatto le palle onestamente quando davanti mi trovo la magnificenza di Zelda o il divertimento compulsivo di un MK8 DXo uno Splatoon 2, per non parlare di quando uscirà Mario Odyssey. In più adoro il formato su cartuccia e la silenziosità totale di Switch in qualsiasi configurazione

  • Autodelta85

    Questa console è il mio sogno proibito da sempre, sin dai primi tentativi goffi di unire il GBA al GC (per chi se lo ricorda).
    Ho solo il rimpianto che una console così portatile ma fissa, così single player ma così tanto multiplayer locale…mi sarebbe servita a metà anni’90 in cui avevo interi pomeriggi da buttare e dove ci schiacciavamo in 6 attaccati ad un monitor curvo da 14″ tutti a guardare l’amico che giocava.
    Questa console mi fa davvero dire: che bello sarebbe avere oggi 9/10 anni, avere ancora tanti amici con la passione dei videogiochi e avere il tempo per sfruttare le tante potenzialità della console e della sua natura ibrida, già oggi che con gli amici non riesci più nemmeno a vederti la domenica per un caffè…
    Ed idem per Zelda, per goderlo serve davvero un’infinità di tempo, tempo che ormai noi “vecchi brontoloni” non abbiamo più.

    Un consiglio ai più giovani: godetevela…godetevela perché è una console che sognavamo da 30 anni e non abbiamo mai potuto averla…e qui troveremo di tutto: giochi Nintendo, giochi indie, giochi retro, giochi giapponesi third party (finalmente), insomma potrebbe avere quell’universalità di titoli che manca dall’era SNES, per cui godetevela…

  • Busca

    OT: ma dov’è la demo di DQ Heroes sullo store giapponese? Non riesco a trovarla.

    • Pietro Spina

      Il problema della ricerca software è che quelli nuovi vanno ripescati dalla ricerca “generica”… fai le prove sullo store europeo per capire come si fa (vai su ricerca e non inserire niente) e poi replica sullo store jappo.
      Ti darà l’elenco di 30 software… muoviti sul filtro (in alto a destra) e seleziona la seconda voce. Lo troverai più o meno tra gli ultimi in elenco. Una volta arrivato sulla schermata scarica la versione demo (il secondo tasto, più piccolo, sotto quello che te lo fa comprare).

      Volevo farti gli screen ma non me li fa grabbare

      • Busca

        Grazie mille!
        Adesso ho trovato un altro metodo: ho tradotto “Dragon Quest” in giapponese e poi ho inserito la prima lettera nella ricerca.
        Non preoccuparti per gli screen, sono riuscito a capire lo stesso.

        • Pietro Spina

          Molto più furbo di me, bella trovata! =D

logo-bianco

NINTENDON EVENTI

Per la tua pubblicità su NINTENDON.IT

Regolamento Forum - Contatti - Nicer Design

Privacy Policy

Informativa estesa sui Cookie

©2017 NintendOn Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari.

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account