Il Wii U non arriverà al prossimo Natale secondo un ex sviluppatore Sony

terze parti

La scorsa settimana ha visto il debutto in UK della PS4 e, contemporaneamente, il lancio del titolo di punta Nintendo per Natale, Super Mario 3D World. La mossa di Nintendo per contrastare l’uscita dell’ammiraglia Sony non ha avuto però l’effetto sperato: l’ultima avventura di Mario ha venduto pochissimo, surclassata da molti altri giochi, incluso il mediocre Knack.

A questo proposito Kenny Linder, ex sviluppatore di BigBig Studios, ha postato su Neogaf le sue impressioni sulla strategia Nintendo:

“Lanciare Super Mario 3D World lo stesso giorno del debutto di PS4 in UK ed Europa non è stata una buona idea. La cosa assurda è che il gioco era probabilmente già pronto ad ottobre. Io temo che il mercato stia spingendo Nintendo in una certa direzione, che lo vogliano o meno: stanno inesorabilmente perdendo visibilità. Le grosse catene hanno quattro console home (PS3/PS4 e 360/One) più 3DS/2DS che fagocitano tutte le vendite e sembra che nemmeno Mario possa aiutare il povero Wii U: se sparisce dagli scaffali, è la fine. Io penso proprio che il Wii U non vedrà il prossimo Natale, ma è solo una mia impressione, tutto dipenderà dai giochi del prossimo anno”.

“Far debuttare Mario venerdì (il 27) è stata una mossa veramente sciocca, sarebbe dovuto uscire molto prima. Mi chiedo se i gamer che comprano le console Nintendo sono gli stessi che comprano PS4 e One. Se così fosse, ecco spiegate le basse vendite di questa settimana. Tra l’altro non ho visto pubblicità di Mario 3D World in televisione, mentre le altre due (specialmente la PS4) hanno una visibilità pazzesca. Hanno completamente deluso le attese del mercato videoludico”.

Lasciando da parte il fatto che, improvvisamente, individui a caso paiono essere diventati dei guru di mercato, mi pare che Linder abbia fatto un po’ un collage di luoghi comuni giusto per far vedere che ne sa più degli altri.

Innanzitutto le pubblicità di Mario 3D World sono tutt’ora on air sulle reti televisivi UK, certamente in maniera meno consistente che non PS4 e One, però Nintendo sta dando visibilità al suo prodotto di punta. In secondo luogo l’uscita del gioco è stata frutto di diversi fattori quali il tentativo, fallito certo, ma andava comunque fatto, di contrastare l’uscita di PS4, nonché una pianificazione delle uscite il più equilibrata possibile. Uscire ad ottobre, come suggerito da Linder, avrebbe significato lasciare tre interi mesi scoperti (e il gioco sarebbe uscito troppo distante da Natale). Infine, quando un gioco che ha una media review vicina al dieci perde il confronto nelle vendite con uno che ha ricevuto pareri molto meno lusinghieri (si, ci riferiamo a Knack), allora non ci sono strategie che tengano, è segnale inequivocabile che il Wii U non interessa minimamente al pubblico.

Voi che ne pensate di queste dichiarazioni?

Fonte: Neogaf

Tags:
  • Diego Inserauto

    Wii U non è abbastanza competitivo per interessare al pubblico. Nonostante abbia dei titoli di gran lunga superiori alla line up delle nuove arrivate mancano dei titoli che convincono gli acquirenti, prima di tutto gli sportivi.

    Tralasciando il discorso vendite i pareri del tizio di cui sopra non sono completi né lungimiranti. Il discorso pubblicità viene affrontato in maniera dozzinale: non solo Mario sta avendo una pubblicità costante su tutti i canali televisivi seguiti dai teenager (anche in Italia) ma la pubblicità PS4 è così “per hardcore only” che un utente occasionale non la capirebbe mai se non vedesse il logo sony e la console alla fine.

    Knack è mediocre ma è un titolo di lancio e praticamente l’unico action only for non in prima persona. Nonostante cod faccia numeri impressionanti ci sono ancora tantissime persone che giocano solo third person, ed essendo un regalo da black friday a un ragazzino cosa regali Killzone o Knack? Sono certo che un ragazzino preferirebbe il primo ma uno zio non vuole fare un regalo e sentirsi dire dai genitori “gli hai regalato un gioco violento”. In America la media dei genitori è sul bacchettone andante…

  • chuck

    Non ho capito l ultimo vostro punto.Avete confermato che la wii u non interessa al pubblico? Comunque il discorso è sempre lo stesso, nintendo ha grandi titoli ma la gente vede sempre gli stessi titoli ed è portata a pensare che sia sempre la stessa roba.E poi non dimenticate che la maggior parte dei titoli che escono sulle concorrenti non vedono la luce su wii u, per esempio battelfield che vende tantissimo, gta e fifa.Non saranno i tutoli che interessano ad un apassionato nintendo, ma averli vuol dire avere un parco titoli incontrastabile con le esclusive che ha Nintendo!

  • CapRichard

    Si, lanciare Mario nello stesso momento delle next gen è un po’ un suicidio, ma anche un po’ una strategia. durante lo scatenamento delle review, Mario 3D world è risultato essere elogiato e superiore ad ogni cosa sulle next gen e questo avrebbe potuto dare un buon risalto…. a quei 4 gatti che leggono i siti online di recensioni videoludiche.

    Il vero problema con questa WiiU è che non offre nulla di visibilmente nuovo che catturi l’immaginario comune come la Wii e allo stesso tempo non è neanche riuscita a catturare l’interesse delle third-paty, che diciamolo, anche nel periodo GameCube, han supportato Nintendo sfornando bella roba. Quindi è più votata per ora ad una fine dreamcast. Io sono più per le previsioni Patcheriane, che vedono la WiiU appoggiarsi ai 20 milioni di unità a fine vita, ma lo scenario sembra essere peggiore. L’anno prossimo avremo Mario Kart e Smash, che combinati dovrebbero aiutare a vendere un paio di milioni di copie della Wii U….

  • Astaroth

    Ė stato così anche per la 3ds, ricordate si parlò di flop, si parlava di ritiro dal mercato, di cambio del nome che ricordava troppo la console precedente. E poi come andò a finire? La storia si ripete

  • Jerusalems

    Il fulcro di questa discussione è IMHO da scorporare in due temi differenti.
    Da una parte abbiamo Il lancio di Mario il giorno dell’uscita delle nuove home consolle concorrenti (mossa che non si è rivelata vincente ma che cmq, come sottolineato da “Black” nell’articolo, andava fatta [la domanda casomai è se un gioco (anche ottimo) possa competere con una consolle a questo punto].
    Altra cosa è l’attestarsi su basse vendite della consolle. Come sempre la Nintendo ha un grosso buco nel settore pubblicitario e non si può pretendere che le vendite si impennino cominciando solo ora ad essere martellanti; in più il wiiU ha ottimi titoli anche esclusivi ma quanti di questi sono per il pubblico di massa?(Penso a “Pikmin 3” e “W101”)Io penso più che altro che siano giochi che smanettoni e seguitori(SI VEDA SPINGITORI DI CAVALIERI) di siti/giocatori di vecchia data possano amare ma, a conti fatti,a livello di numeri e mercato (che sembra propinare scelte sempre più piatte e poco variegate) noi restiamo la minoranza.
    Detto questo … spero che vada come il 3DS ma va sempre considerato che c’è una grossa differenza tra mercato Home e Portatile. Detto questo, se vogliono massimizzare le vendite che ci diano un VERO Pokemon trattato come i capitoli per portatili e vediamo se cambia qualcosa…

logo-bianco

NINTENDON EVENTI

Per la tua pubblicità su NINTENDON.IT

Regolamento Forum - Contatti - Nicer Design

Privacy Policy

Informativa estesa sui Cookie

©2017 NintendOn Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari.

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account