Guide

Nintendo Switch OLED, base e Lite — Quale comprare? Le differenze tra i modelli, prezzo, dimensioni e batteria

Game

Quale versione comprare? Cosa cambierà da ottobre in poi? Scopriamolo con questo articolo.

Quale versione comprare? Cosa cambierà da ottobre in poi? Scopriamolo con questo articolo.

Luglio 6, 2021

La famiglia Switch sotto la lente!

Nintendo ha annunciato il terzo componente della famiglia Switch: il modello OLED chiacchierato da tempo, che in parte mette un po’ a tacere i rumor su di una versione con hardware potenziato. Si tratta a tutti gli effetti di un miglioramento rivolto solo (o quasi) esclusivamente alla modalità portable. E quindi, quale versione comprare? Cosa cambierà da ottobre in poi? Scopriamolo con questo articolo.

Modalità di gioco

  • Nintendo Switch OLED: Modalità TV, Modalità da tavolo Modalità portatile.
  • Nintendo Switch: Modalità TV, Modalità da tavolo Modalità portatile.
  • Nintendo Switch Lite: Modalità portatile.

Software compatibili

  • Nintendo Switch OLED: Tutti i software per Nintendo Switch.
  • Nintendo Switch: Tutti i software per Nintendo Switch..
  • Nintendo Switch Lite: Software per Nintendo Switch compatibili con la modalità portatile.

Controller

  • Nintendo Switch OLED: controller Joy-Con inclusi con supporto all’HD Rumble e telecamera IR di movimento.
  • Nintendo Switch: controller Joy-Con inclusi con supporto all’HD Rumble e telecamera IR di movimento.
  • Nintendo Switch Lite: controller integrati.

Base per Nintendo Switch

  • Nintendo Switch OLED: in modalità TV l’uscita video è collegata tramite cavo HDMI. Porta LAN utilizzabile in modalità TV.
  • Nintendo Switch: in modalità TV l’uscita video è collegata tramite cavo HDMI. Porta LAN non presente.
  • Nintendo Switch Lite: non trasmette immagini alla TV e non è compatibile con la base per Nintendo Switch.

Dimensioni e peso

  • Nintendo Switch OLED: OLED da 7 pollici; risoluzione 1280 x 720; 102 mm x 242 mm x 13,9 mm (con i Joy-Con collegati). Circa 320 g.
  • Nintendo Switch: LCD da 6,2 pollici; risoluzione 1280 x 720; 102 mm x 239 mm x 13,9 mm (con i Joy-Con collegati). Nota: 28,4 mm nel punto più spesso, dalla punta degli stick analogici alle protuberanze dei pulsanti ZL/ZR. Circa 297 g.
  • Nintendo Switch Lite: LCD da 5,5 pollici; risoluzione 1280 x 720; 91,1 mm x 208 mm x 13,9 mm. Nota: 28,4 mm nel punto più spesso, dalla cima degli stick analogici alle protuberanze dei pulsanti ZL/ZR. Circa 275 g.

Durata della batteria*

  • Nintendo Switch OLED: circa 4,5 – 9 ore.
  • Nintendo Switch: circa 4,5 – 9 ore.
  • Nintendo Switch Lite: circa 3 – 7 ore.

*La durata della batteria dipende dai giochi. Per esempio, con The Legend of Zelda: Breath of the Wild la batteria dura circa 5,5 ore (4 ore per Switch Lite).

Prezzo di listino (con possibili variazioni)

  • Nintendo Switch OLED: 349,99 euro.
  • Nintendo Switch: 329,99 euro.
  • Nintendo Switch Lite: 219,99 euro.

E quindi, quale modello comprare?

La prima domanda che dovreste porvi è: “Quale modalità di gioco preferisco?”

Per quanto pensate anche per essere portate in giro, le versioni OLED e base di Switch potrebbero essere “eccessive” per chi preferisce il solo piccolo schermo. Le dimensioni contenute di Switch Lite, insieme ad un peso inferiore, potrebbero infatti giovare parecchio all’esperienza di gioco. Per non parlare del prezzo: quello di listino, infatti, è raro a vedersi viste le continue offerte dei negozi, sia fisici che online. Allo stesso tempo, la versione OLED potrebbe valere l’esperienza portable in formato premium. Lo schermo più grande e definito potrebbe allettare chi ha maggiore potere di acquisto.

Il bivio più “impervio” si presenta alla scelta tra la versione OLED e quella base. Chi è già in possesso della seconda, difficilmente potrebbe trarre enormi benefici con l’upgrade di ottobre, soprattutto se a prevalere è l’esperienza docked. In quest’ultimo caso, infatti, uno schermo più performante non avrà alcun impatto sulla godibilità delle sessioni di gioco. E parliamoci chiaro, l’assenza della porta LAN è un problema marginale con i tanti adattatori venduti in giro.

E chi già gioca quasi esclusivamente in modalità portatile con Switch base? Beh, qui deve prevalere la vostra capacità analitica. Le migliorie della versione OLED valgono i circa 350 euro chiesti da Nintendo? Non c’è una risposta sbagliata e ovviamente molto dipende dalle possibilità economiche del giocatore. E se non si ha ancora uno Switch in casa e si vuole alternare l’esperienza docked a quella portatile? In questo caso, 50 euro in più (considerando gli sconti quasi perenni sulla versione base) valgono lo sforzo. Si accoglierebbe la console più performante e revisionata della famiglia (senza Joy-Con drifting, si spera), con una libreria di tutto rispetto e senza limitazioni legate all’hardware.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *