Anteprime

Monster Hunter Stories 2 – Anteprima di una caccia all’uovo

Game

Il nuovo capitolo di Monster Hunter Stories 2 è oramai alle porte, e Mari Rastetter ha giocato la demo per noi. Buona lettura!

Il nuovo capitolo di Monster Hunter Stories 2 è oramai alle porte, e Mari Rastetter ha giocato la demo per noi. Buona lettura!

Giugno 29, 2021

Che storia!

Sono passati quattro anni da quando ci siamo immersi per la primissima volta nel ruolo di prodi raider, grazie a quel piccolo gioiellino prodotto da Capcom e sviluppato da Marvelous chiamato Monster Hunter Stories, uscito per Nintendo 3DS. Diversamente da quanto accade nel classico canovaccio dei vari Monster Hunter (da ora abbreviato con la sigla MH, che qui ci sono 50 gradi e ogni lettera risparmiata è un bicchiere di sudore in meno), in questo nuovo esperimento non saremo degli hunter, ovvero cacciatori, bensì dei raider ovvero agricoltori di Monstie che alleveremo a mo’ di zucchine, ehm ok questa anteprima sta prendendo una deriva strana, il caldo scherza brutti giochi.

Tornando seri, saremo gli hippie della serie MH dove al posto di cacciare mostrilli vari, diventeremo loro amici e vivremo in maniera simbiotica aiutandoci a vicenda, che Dreamworks levati. Dopo un paio di ore passate con una demo molto ricca e devo dire anche lunga (brava Capcom, basta con queste demo striminzite che ti lasciano l’acquolina in bocca!), grazie al fatto che più che a una demo, siamo davanti alla parte introduttiva dove capiremo come funziona tutto e prenderemo confidenza con i primi rudimenti dell’avventura che ci introdurrà un po’ la storia e ci presenterà alcuni dei personaggi principali. A questo proposito, i salvataggi della demo sono trasferibili quando avrete il gioco completo tra le mani, ottimo per non perdere queste prime ore di grinding.

Si comincia personalizzando il nostro avatar, con una varietà di scelte molto ampia, per poi essere catapultati nella storia vera e propria, che già in questa prima battuta appare più ricca e articolata di quella del suo predecessore, e che ci vedrà nel bel mezzo di un festival ambientato nel villaggio di Mahana, dove ovviamente qualcosa andrà storto. Non volendovi spoilerare troppo, vi dirò soltanto che il Rathalos guardiano dell’isola di Hakolo è costretto alla fuga e da quel momento cominciano i guai: arrivano le hit sudamericane! Si salvi chi può!

In realtà tutte le bestie più feroci prendono il sopravvento, cominciando ad avvicinarsi e invadere territori che prima erano protetti dal Rathalos Guardiano, cosa molto pericolosa visto che potrebbero sconfinare anche nelle zone abitate. La cosa strana è che questo fenomeno sta avendo luogo in ogni angolo del mondo (quello delle bestie feroci, non dei cantanti latinoamericani per fortuna, per quello scherzavo). Presto incontreremo un vecchio amico facilmente riconoscibile, dato che non sembra essere invecchiato di un giorno da quando aiutava nostro nonno Red (il protagonista del predecessore), ovvero Navirou. Quindi sì, il protagonista di questa storia è il/la nipote di Red, quindi c’è un legame tra i due titoli ma non così stretto da precluderne la fruibilità di questa nuova avventura.

Com’era lecito aspettarsi, dato che il primo titolo era un’esclusiva per Nintendo 3DS, il balzo in avanti a livello grafico è notevole: colori vividi, molto pulito e quello che ci circonda è gradevole alla vista. I perfezionisti poi potrebbero giocarlo anche su PC, dato che uscirà anche per sistemi operativi Windows nella giornata del 9 luglio 2021. Si spera che nella versione PC il framerate sia più stabile, dato che i 30 FPS della demo non sono costanti, pur senza drop tali da rendere tutto ingiocabile.

Per chi conosce già la serie Monster Hunter, ma non lo spin off Stories, vi consiglio di recuperare la mia recensione d’epoca. Per i più smaliziati riassumo dicendo che quello che differenzia questa avventura dalla serie principale è soprattutto il comparto dei combattimenti a turni, e una struttura in puro stile J-Rpg. Quindi un cambio di genere che non genera contrasto tra le due esperienze.

Monster-Hunter-Stories-2-Gameplay-NintendOn

Un elemento forse controverso è infatti la semplicità del combat system, fondamentalmente non dissimile dalla morra cinese (forza batte tecnica che batte velocità che batte forza), e sostanzialmente inalterato anche in questa nuova avventura. A dare un pizzico di pepe in più è la varietà di di mosse legate ai Monstie con cui creeremo un legame durante la battaglia. Quando la barra legame è piena potremo sferrare un potente attacco col nostro amico, e ogni mostro ha le sue peculiarità, le sue mosse e animazioni diverse.

Un elemento che invece è già più vicino alla serie main è l’esplorazione, che ci vedrà andare in giro per le varie regioni a caccia di nuove “uova di mostri” per poter rimpinguare il nostro allevamento e avere alleati sempre più forti. Altri elementi familiari sono le missioni secondarie che ci permetteranno di guadagnare varie risorse, pecunia o oggetti utili per forgiare armi e armature sempre più potenti, o anche medicinali e amenità varie.

Considerando la vastità del capitolo 3DS, ci aspettiamo un gioco ricco, del quale abbiamo solo solo visto la punta dell’iceberg. Sebbene la difficoltà sembra strizzare l’occhio a tutte le fasce di giocatori, la storia sembra più articolata e complessa in questa nuova iterazione, e senza dubbio ci sarà tanto da fare, soprattutto per gli sfegatati del collezionismo. Ovviamente tutto questo andrà confermato o smentito in fase di recensione, per cui incrociamo le dita e vi rimando a una prossima lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *