News

La dogana australiana ha ispezionato Sakuna: Of Rice and Ruin credendo contenesse vero riso

Game

Il Dipartimento dell’Agricoltura australiano ha ispezionato un pacco contenente una copia di Sakuna: Of Rice and Ruin.

Il Dipartimento dell’Agricoltura australiano ha ispezionato un pacco contenente una copia di Sakuna: Of Rice and Ruin.

Sakuna-dogana-nintendon
Novembre 26, 2020

Mai un simulatore di fattoria fu più realistico

Sakuna: Of Rice and Ruin è un titolo per Nintendo Switch molto particolare che fonde il concetto di gioco d’azione a scorrimento orizzontale con un simulatore di fattoria. Il giocatore impersona Sakuna, una viziata dea del raccolto che viene esiliata su un’isola pericolosa insieme a un gruppo di reietti umani.

sakuna-of-rice-and-ruin-switch-hero-nintendon

Un giocatore australiano, che ha deciso di acquistare l’edizione limitata del gioco, si è ritrovato un strano messaggio allegato al suo pacco, proveniente direttamente dal Dipartimento dell’Agricoltura, dell’Acqua e dell’Ambiente del governo australiano.

Il suo pacco è stato aperto dal corriere aereo / corriere espresso per l’ispezione di biosicurezza dal Dipartimento dell’Agricoltura, dell’Acqua e dell’Ambiente.
Non sono stati trovati elementi presentanti problemi di biosicurezza e nessun prodotto è stato rimosso. Il pacco è stato reimballato e richiuso dal corriere aereo / corriere espresso.
Il corriere aereo / vettore espresso incorre in una commissione dal dipartimento per queste ispezioni. Questa commissione potrebbe essere addebitata dal suo corriere aereo / vettore espresso, insieme agli eventuali altri costi già a suo carico.

Il titolo del gioco, evidentemente, ha tratto in inganno gli ispettori doganali tanto da sospettare un possibile rischio per biosicurezza. In Australia, allo scopo di mantenere inalterato l’ecosistema, è proibito introdurre senza autorizzazione qualsiasi forma di prodotto vegetale o animale e, molto probabilmente, gli ignari addetti al controllo hanno immaginato che la scatola contenesse vero riso.

Fortunatamente, nonostante l’avviso, nessun costo extra per l’ispezione è stato addebitato al giocatore. Qualcuno di voi ha mai vissuto disavventure simili? Vi è capitato che qualche prodotto ordinato fuori dall’Europa rimanesse bloccato per problemi doganali?

Fonte: Twitter,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *