News

Sbuca in rete una folle teoria sulle origini di Super Mario

Game

Un utente su Twitter ha elaborato una teoria forse un po’ strampalata sulle origini di Mario, ma che potrebbe avere dei fondamenti di verità.

Un utente su Twitter ha elaborato una teoria forse un po’ strampalata sulle origini di Mario, ma che potrebbe avere dei fondamenti di verità.

Settembre 28, 2020

Forse non troppo folle?

Sappiamo tutti la storia di Super Mario: inizialmente chiamato Jumpman, era il protagonista del primo Donkey Kong e il suo nome deriva dal proprietario di un magazzino di Nintendo of America, Mario Segale.

Sappiamo anche che Nintendo stava lavorando ad un gioco incentrato su Popeye (Braccio di Ferro) prima ancora di concentrarsi su Donkey Kong. Proprio perché il processo per l’acquisizione dei diritti del fumetto si stava prendendo più tempo del dovuto, la scelta fu di rimuovere Popeye, Olivia e Bluto per rimpiazzarli con personaggi del tutto nuovi.

Da questo incipit, un utente su Twitter ha elaborato una teoria forse un po’ strampalata sulle origini di Mario, ma che potrebbe avere dei fondamenti di verità. Mario inizialmente appare in Donkey Kong, gioco pensato inizialmente per Popeye. Nintendo realizzò qualche anno dopo un gioco arcade su Popeye. Ma perché? Perché questa infatuazione verso Popeye?

Forse per il film del 1980? O per la serie animata? Non sembrano essere questi i motivi, perché in queste opere ci sono sia Popeye che Bluto, mentre il gioco Nintendo vedeva la partecipazione del solo Bluto. C’era tuttavia dell’altro nel Giappone del 1981: una rivista, chiamata Confusingly Popeye, stava per celebrare la sua uscita numero 100. La rivista trattava di moda americana.

È probabile che Nintendo fosse alla ricerca di materiale dedicato a Popeye per i suoi giochi e quel numero poteva fare proprio al caso loro. Forse Miyamoto, nel 1981, cercando il design di potenziali personaggi (dal look americano) che potessero rimpiazzare Popeye, sfogliando il numero di quella rivista, s’imbatté nell’uomo che potete vedere nell’immagine a seguire.

Vi ricorda qualcuno? Dopotutto, Mario inizialmente era stato concepito come un carpentiere e i colori dell’uomo in foto potrebbero essere stati invertiti nel gioco finale (Donkey Kong) per meglio contrastare il futuro idraulico con lo sfondo. C’è poi da dire che la versione odierna di Mario ha proprio questa combinazione di outfit e colori!

Insomma, pure e semplici coincidenze? Forse sì, o forse no, ma fantasticare sulla genesi del nostro Mario è sempre divertente!

Ma soprattutto, avete dato inizio alla raccolta delle monete blu in Super Mario Sunshine? In tal caso abbiamo la guida che fa per voi!

Fonte: Twitter,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *