News

Ecco perché Mario non può morire in LEGO Super Mario

Game

Nei giochi della serie LEGO Super Mario, l’idraulico più famoso del mondo non può morire. HìJonathan Bennink ci spiega perché.

Nei giochi della serie LEGO Super Mario, l’idraulico più famoso del mondo non può morire. HìJonathan Bennink ci spiega perché.

Giugno 16, 2020

In LEGO Super Mario la morte non esiste

I set di LEGO Super Mario rappresentano la trasposizione nel mondo reale dei videogiochi nati dalla mente del maestro Miyamoto. Questi set ripropongono dal vivo alcune meccaniche che si possono apprezzare giocando con Mario davanti a uno schermo, ma qualche elemento appartenente alle versioni digitali dei giochi è stato eliminato.

Jonathan Bennink, responsabile del design LEGO, ha parlato delle decisioni prese dal team di sviluppo di LEGO Super Mario in un’intervista con The Verge affermando che anche Nintendo ha indirizzato il team verso l’abbandono della meccanica di “morte” del personaggio.

Semplicemente, non abbiamo potuto trasferire tutte le principali meccaniche del gioco nella sua versione LEGO: i giochi di Mario riguardano l’abilità e il raggiungimento del traguardo. Quindi, in questo senso, è più simile a Super Mario Maker, in cui sei intrinsecamente motivato a costruire i livelli.
Una delle decisioni che abbiamo preso è che Mario non muore e non si fa male, questo principalmente grazie a Tezuka-san che ci ha detto di volere che Mario sia felice, perché se Mario è felice, i bambini sono felici. E questo si è rivelato essere davvero importante.

Jonathan Bennink

Bennink ha anche rivelato che in una versione iniziale dell’app c’erano istruzioni dettagliate su come costruire percorsi specifici. Tuttavia, questo annullava totalmente tutto il divertimento di costruire qualcosa seguendo la propria immaginazione perché sostanzialmente si trattava solo di seguire un compito assegnato. Per questo, il team ha optato per un’app che fornisce un’ispirazione più generale e suggerisce idee ma non dà indicazioni precise sulla costruzione.

Fonte: The Verge,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *