News

Pokémon Spada e Scudo analizzati da Digital Foundry

Game

Come di consueto, Digital Foundry ha pubblicato l’analisi tecnica di Pokémon Spada e Pokémon Scudo.

Come di consueto, Digital Foundry ha pubblicato l’analisi tecnica di Pokémon Spada e Pokémon Scudo.

Novembre 17, 2019

Analizziamo i due nuovi titoli dal punto di vista tecnico

Pokémon Spada e Pokémon Scudo sono arrivati su Nintendo Switch due giorni fa. Come da tradizione, Digital Foundry ha esaminato i giochi da un punto di vista tecnico.

Evidenziamo qui i punti salienti:

  • modelli migliorati
  • città più dettagliate
  • illuminazione migliorata
  • ambienti con elementi ripetitivi
  • texture mapping a bassa risoluzione
  • sistema di ombreggiatura dinamica che influenza i personaggi e persino i rami degli alberi molto in alto, proiettando l’ombra sul terreno
  • flickering accentuato durante i movimenti della telecamera
  • il filtraggio delle ombre in cascata può risultare rozzo
  • qualità dei riflessi variabile
  • pop-in molto evidente su personaggi e Pokémon
  • geometria dei modelli dei Pokémon simile a Sole e Luna
  • cutscene renderizzate dal motore di gioco
  • risoluzione dinamica
  • 1080p nel dock (fino a 864p nei casi peggiori)
  • 720p in modalità portatile (fino a 576p nei casi peggiori)
  • assenza di anti-aliasing
  • modalità portatile e in dock visivamente simili
  • rari cali sotto i 30fps
  • performance generali più vicine a Pokémon: Let’s Go piuttosto che a capitoli come X e Y

Un verdetto agrodolce quindi, che mette in luce alcuni aspetti positivi accompagnati da qualche inciampo tecnico di troppo, ma che non intacca il successo commerciale dei due titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *