Bowser’s Bakery #2- Un nintendaro PUO’ fare cioccolatini

Cos’è Bowser’s Bakery?
Un posto in cui parlare di cucina e di Nintendo: un mix tra cibo e videogiochi.
Il web è pieno di bravissimi cuochi che si dilettano ad inventare e preparare geek-food: che siano tortine, bento deliziosi o biscotti croccanti da mangiare mentre si gioca.
In più, il web è pieno di fantastici utensili da cucina a tema!
Bowser’s Bakery riporterà le migliori ricette disponibili, spesso tradotte, le foto più belle e le migliori offerte di strumenti per cucinare, per ingolosirvi e magari convincervi a mettere le mani in pasta!
E ogni tanto spunteranno fuori ricette tutte nostre. Divertitevi!

cioccolata
Gnam gnam!

 

Le feste si avvicinano, e la cioccolata presto riempirà le case. Se avete già quintali di dolci, ancora meglio!
Questa settimana perciò ci dedicheremo alla nobile arte di creare quindi cioccolatini in casa.
Se ve lo stiate chiedendo, no, non è impossibile, può esser difficile, ma ci sono numerosi modi per semplificarci la vita e cucinare piccole delizie.

Ovviamente non osereste mai avventurarvi in questo mondo senza la giusta attrezzatura nintendosa, no?
E dunque , iniziamo con i consigli per lo shopping.

Su Amazon troviamo dei meravigliosi stampini a forma di controller del Wii (o del NES, se siete degli inguaribili nostalgici)

controllernesmolds
NES-suno può farne a meno!
wiicontrollermold
Ma mica tutti amano il vintage.

Sono estremamente carini, anche se forse leggermente grandi. (ma in fondo parliamo di dolci, vi dispiacerebbe mangiarne di più? No, ergo son giusti.)

Se siete appassionati del genere, qui trovate gli stampini per i blocchi del Tetris che all’occasione potrete utilizzare anche per il ghiaccio: naturalmente vale per ogni stampo in silicone in cui vi possiate imbattere.

 
Su ebay c’è un mondo di mold dei Pokémon (se cercate online spesso i siti proveranno a correggere in “pokémon gold”, mi chiedo come mai… curioso eh?) , tra cui alcuni con il bastoncino per creare anche lecca-lecca, ed altri veramente rari e costosi.
Ma probabilmente li comprerò prima di finire la scrittura di quest’articolo.

Online si intravede anche un set apposito per creare cioccolatini poké, ma dopo tante ricerche posso confermarvi che è un oggetto leggendario, più difficile da ottenere della Triforza del potere

Se lo avete, sappiate che siete probabilmente i prescelti, i valorosi Eroi del Tempo!

pokemoncioccolata
Uno strumento mistico, posseduto da pochi eletti.
pikachumold
Uno stampino che vorrete anche voi ora.

 

 

 

 

 

 

 
Ovviamente c’è enorme disponibilità di stampini non a tema, vi consiglio quelli della silikomart, ma potrete davvero sbizzarrirvi a trovarne di centinaia e centinaia.

Ora però passiamo al sodo, al “come fare”.

La ricetta in assoluto più semplice per creare un cioccolatino ripieno è quella con la ganache: è una morbida crema panna-cioccolato, davvero perfetta per ripieni e coperture.
Il procedimento di per sé è abbastanza banale, si mette il cioccolato fuso nello stampino, si copre con un pochino di crema e si riveste di nuovo con il cioccolato fuso, poi si lascia solidificare e si tira fuori.

Facilissimo, no?

Complicando un po’ le cose, possiamo parlare di temperaggio: per avere un cioccolato lucido e resistente, va sciolto in maniera particolare.
Forse avrete in mente l’immagine del pasticcere esperto che muove il cioccolato con una spatola su un piano di marmo: dimenticatelo, a meno che non siate già pratici. E’ sicuramente il modo per ottenere migliori risultati, ma ci sono metodi più abbordabili per un principiante. Nella ricetta spiegherò perciò al volo il temperaggio per induzione, decisamente semplificato, e senza la necessità di usare un termometro per alimenti.

 

Ingredienti per i cioccolatini:

–          cioccolata; (a scelta se fondente o al latte!)
–          panna fresca da montare e cioccolata per la ganache;

Come sciogliamo il cioccolato?

Si può utilizzare il microonde (scegliete una temperatura non troppo elevata controllando ogni mezzo minuto circa il risultato) oppure a bagnomaria.
Il cioccolato non va mai posto a temperature troppo elevate e soprattutto detesta l’acqua. Tenetegli lontanissima l’acqua, è come un Gremlin.

Tagliate perciò la tavoletta di cioccolato a pezzetti con un coltello, metteteli in una pentolina e appoggiatela sopra un’altra pentola, con un po’ d’acqua.

Miao, proprio così!
Miao, proprio così!

La pentola con il cioccolato deve essere abbastanza ampia da riempire tutta la parte sottostante, in quanto ci serve che il calore rimanga bloccato lì, e non deve essere a contatto diretto con l’acqua.
Mettete il tutto su un fornello acceso e iniziate a mescolare con santa pazienza.

Se non vi interessa temperare il cioccolato, potete semplicemente continuare così finché non sarà sufficientemente sciolto, ma non troppo liquido.

Se invece volete tentare, pur se in modo semplice, provate l’induzione: mettete allora a sciogliere nel pentolino solo i 2/ 3 del vostro cioccolato, e, una volta fuso, allontanate il pentolino dalla pentola sul fuoco e aggiungete il resto, che si scioglierà da sé con il calore della cioccolata già fusa.
Una volta finito dovreste aver ottenuto un decente temperaggio, verificabile dalla lucidità, dalla consistenza (sciolto ma denso e non liquido) e dal fatto che se provate a disegnarci sulla carta da forno (anche intingendo una forchetta e disegnando ghirigori), si asciuga in poco tempo.

Qualunque sia stata la sorte del vostro cioccolato, ora è pronto per essere messo nello stampo!

Ricoprite bene basi e pareti, non esagerate con le dosi e sgocciolate tutta l’eccedenza.

E ora aspettiamo...
E ora aspettiamo…

Fate solidificare da sé: metterlo in frigorifero non ha molto senso una volta eseguita tutta la trafila del temperaggio. Se l’avete saltata e avete fretta, siete autorizzati a refrigerare (ma i cioccolatai del mondo vi guarderanno male, dovunque siano in quel momento).

È l’ora di preparare il ripieno!

La ganache è talmente semplice da fare che poi ve la cucinerete ogni giorno, anche solo per mangiarla da sola. È buona anche al posto della cioccolata calda. Certo, ma certo, è iper-calorica, per cui non ditelo al vostro dietologo.

Mettete quindi  la panna in un pentolino (se preferite potete mettere metà panna e metà latte, ma verrà tutto più liquido), e portatela ad ebollizione. Allontanatela dal fuoco e aggiungete il cioccolato tagliato a scaglie, poi contate fino a 3 e iniziate a mescolare fino ad ottenere una crema omogenea.
Questa va, ovviamente, nello stampo sopra alla cioccolata di base.
Ma non mettetene troppa, perché in alto dovrete ricoprire con altra cioccolata, “chiudendo” il dolcetto.
Potrete anche aromatizzarla (liquori, vaniglia…questo però richiederebbe idealmente di farlo qualche ora prima) o aggiungerci granella di nocciole.

A questo punto il cioccolatino è completo: cioccolata sotto, ganache dentro, cioccolata sopra.

Livellate l’eccesso, se ce n’è, e lasciatelo solidificare.
Una volta pronti, saranno abbastanza facili da tirare fuori: girate lo stampo e sbattetelo con delicatezza.

Il piatto purtroppo non è incluso nella ricetta!
Il piatto purtroppo non è incluso nella ricetta!

I problemi che potrete avere all’inizio sono “crepe” nella copertura esterna: ciò avviene soprattutto se avete stampi un po’ piatti o non avete coperto bene le pareti nella prima fase.
Ovviamente (che ve lo dico a fare…) saranno buoni comunque.

Per le ricette dei cioccolatini non ci sono grosse regole precise: potete osare, scegliere il tipo di cioccolato che preferite e il ripieno che volete: noterete presto che è un dolce che fa impazzire le persone!

Mettete i nintendo-cioccolatini in una scatola e regalateli ad un appassionato/a, saranno sicuramente felici!

Ed è tutto per questa settimana, appuntamento per il prossimo venerdì con nuove nintendose gustosissime ricette, buon appetito!

cioccolatinofoglia
Tatatatàà!

Fonte: La meravigliosa cucina di Noirele