The Legend of Zelda: The Wind Waker HD – Recensione e sentimento

    • Sistema Wii U
    • Genere Avventura
    • Sviluppatore Nintendo
    • Distributore Nintendo
    • Rating PEGI 7
    • Lingua/e Italiano
    • Multiplayer -
    • Data di uscita 04 Ottobre 2013

Era il 2003, ben dieci anni fa.
Ricordo nitidamente che saltai scuola per andare in negozio ed acquistare quello che, a posteriori, si sarebbe rivelato uno dei migliori giochi degli ultimi dieci anni.
Solo due volte ho saltato la scuola per acquistare un gioco e la prima, era stata con Metroid Prime.
Criticato inizialmente da una platea che voleva un Ocarina of Time con grafica migliorata, The Wind Waker si è rivelato un capolavoro immutabile nel tempo, capace di definire standard tecnici, narrativi e avvolto da una magia a cui pochi, pochissimi altri titoli hanno saputo accostarsi.
Abbiamo parlato tanto di Wind Waker HD ma non gli abbiamo mai dato un voto.
Toccava a me farlo ma per un serie interminabile di sfortunati eventi ho rinviato fin troppo l’uscita della recensione. Poco male, visto che ormai la maggior parte di voi l’avranno comprato e sviscerato. Chi non l’avesse ancora fatto.. be, che aspettate?
Oggi, come allora, The Wind Waker HD toglie il fiato. 

Ho così deciso di dedicare poche righe per parlare della mia personale esperienza e di cosa significhi ancora per me, invece di stilare pregi e difetti del titolo, ampiamente esplorati in questo mese.

Wind Waker è il primo titolo della saga ad avermi veramente commosso.
Un titolo capace di catturare, di trasportarti dentro un’avventura dai toni fanciulleschi e allo stesso tempo epici. Un titolo che ci mostra la crescita di Link, costretto ad abbandonare la nonnina a casa, alla ricerca della sorellina e presto coinvolto in un’avventura molto più grande di lui.
Un Link luminoso, espressivo come non mai nella saga. Perennemente spensierato e scanzonato ma capace di tirare fuori gli artigli quando serve, paragonabile in questi aspetti a Rufy di One Piece.
Al suo fianco una marea di personaggi memorabili su cui spicca una Principessa Zelda forte, coraggiosa ma commovente nella sua tenerezza, soprattutto quando nella storia scoprirà le sue vere origini.
Superata solo, in quanto a bellezza e dolcezza, dalla Zelda di Skyward Sword.


Wind Waker cattura, rapisce il tuo cuore e lo porta in un oceano dal quale non vuoi più uscire
. Ogni onda, in quel blu infinito, ogni gabbiano che supera il nostro veliero, ci porta verso nuove avventure. Il titolo, in HD, risulta veramente incredibile. Ero scettico all’inizio ma a conti fatti, non c’è uno, un solo filmato in rete che renda giustizia al gioco su schermo.
Il risultato raggiunto da Nintendo è visivamente di livello assoluto. Gran parte del merito è dovuto a un engine eccezionale dieci anni fa che non ha risentito del passare degli anni ma qualunque siano le motivazioni, va giudicato il risultato finale. E ammalia, conquista e stende. Il nuovo effetto bloom ci consegna un mondo decisamente più vivo con un’enorme estensione della linea d’orizzonte, oltre a naturali cambiamenti di luce in tempo reale. Sono purtroppo andati perduti gli effetti di luce ad area delle torce e delle fonti luminose in ambienti chiusi e alcuni modelli poligonali, quando illuminati, risultano più plasticosi.
Ma, vi assicuro, è un piccolo scotto da pagare per una resa sublime. E per chi lo considera ancora solo un porting in HD, sappia che è a mani basse il migliore porting in HD mai visto.

L’avventura è stata snellita, migliorata nel suo scorrimento, in particolare durante la ricerca della Triforza. Non vi sono dungeon aggiuntivi come ben sapete.
E sinceramente, mi sento di dire che Wind Waker non ne ha bisogno. Il gioco è questo, cosi era dieci anni fa ed è giusto che cosi rimanga. Perfetto anche nel suo essere differente dal canonico schema zeldiano (7-8 dungeon centrali più uno finale), un titolo che osa e sa differenziarsi dagli altri esponenti della saga.
D’altra parte, Aonuma stesso si era espresso a riguardo poco tempo fa: tanto fango venne gettato all’epoca su Wind Waker e la maggior parte dei detrattori, all’uscita, si ricredettero. Ma il gioco sembrava incompleto e inferiore ai precedenti. Fino all’uscita di Twilight Princess, rivalutato a sua volta dopo l’uscita di Ocarina of Time 3D in alcuni aspetti e soprattutto dopo Skyward Sword. Si tratta della maledizione della saga. Non esiste uno Zelda perfetto ne uno che metterà d’accordo tutti.
Ma parliamo sempre di una saga d’elite, forse la più alta nel complesso qualitativo, della storia videoludica.

The-Legend-of-Zelda-Wind-Waker-HD-Wallpapers

Wind Waker HD, come già detto, rappresenta oggi come allora un miracolo visivo e di giocabilità. Pura poesia visiva, pura magia Nintendo nella storia, nei personaggi, nella trama. Vivo più che mai, un viaggio in un mondo da sogno dipinto da un cel shading ancora ineguagliato che setta nuovamente standard grafici.
Un capolavoro assoluto e una delle migliori avventure di sempre. Mi rendo conto che descrivere a parole tutto quello che trasmette è difficile e ammetto di invidiare tantissimo chi non ci ha ancora mai giocato.

Aprite la mente, fate volare la fantasia. Preparatevi a tornare bambini, a viaggiare su mari inesplorati, ad emozionarvi, innamorarvi, lottare e soffrire in un’avventura che vi accompagnerà per lunghe giornate e non uscirà mai più dal vostro cuore.
Questo è Wind Waker e non è mai, mai stato cosi in forma.

9.5

The Legend of Zelda: The Wind Waker HD

Modus Operandi: