Perchè Nintendo non licenzia personale come tutti gli altri?

Ormai qui si campa solo di interviste, l’ultima è stata rilasciata da Satoru Iwata al portale web “Polygon”.

Il sito ha posto una domanda relativa al rapporto tra Nintendo e i suoi dipendenti, e ha chiesto spiegazioni relative alle politiche di licenziamento.

Iwata ha così risposto:

“Se riducessimo il numero del nostro personale con l’intento di aumentare i profitti nel breve termine, il morale dei nostri dipendenti ne risentirebbe negativamente” “Sinceramente dubito che dei dipendenti che han paura di essere licenziati possano essere in grado di sviluppare titoli in grado di divertire e stupire le persone in giro per il mondo.”

OK, Iwata avrà fatto degli sbagli, non starà conducendo l’azienda nel migliore dei modi in questo periodo, ma quando si parla del lavoro delle persone, è di tutt’altro livello rispetto ai dirigenti delle altre aziende come quello di EA, che ha licenziato una moltitudine di dipendenti, o come quello di Sony, che lo scorso anno ha licenziato circa 10.000 dipendenti in cerca di profitti immediati.

Fonte