News

Michael Pachter: Perché qualcuno dovrebbe comprare un Wii U?

Game

L’analista Michael Pachter ritiene che Nintendo è attualmente in un mondo di guai. Pachter cita la mancanza di supporto da parte di terze parti per l’ultima console, e con il rilascio imminente di PlayStation 4 […]

L’analista Michael Pachter ritiene che Nintendo è attualmente in un mondo di guai. Pachter cita la mancanza di supporto da parte di terze parti per l’ultima console, e con il rilascio imminente di PlayStation 4 […]

2017 hardware nx Pachter aspettative per NX futuro di Nintendo
Luglio 5, 2013

L’analista Michael Pachter ritiene che Nintendo è attualmente in un mondo di guai. Pachter cita la mancanza di supporto da parte di terze parti per l’ultima console, e con il rilascio imminente di PlayStation 4 e Xbox One, Nintendo non sembra in grado di risolvere il problema. Pachter infine si chiede perché qualcuno dovrebbe scegliere di acquistare un Wii U.
“Gli editori sono abbastanza eccitati per sostenere Xbox One e PlayStation 4, mentre non hanno detto nulla del Wii U. Come sappiamo EA non ha giochi in sviluppo per la console. Se Activision, Ubisoft e Take-Two si tirano indietro il Wii U diventa veramente una console Nintendo-only. Non venderanno mai un sacco di console se non hanno giochi come FIFA, Battlefield, Call of Duty e Grand Theft Auto. Infine, Pachter pone una semplice domanda: “Perché qualcuno dovrebbe comprare un Wii U?”
Fonte

4 thoughts on “Michael Pachter: Perché qualcuno dovrebbe comprare un Wii U?

  1. Che Wii U sia in grande difficoltà penso sia un dato di fatto. Non so se dare ragione o torto a Pachter in merito, preferisco rimandare il “verdetto” passato il natale all’inizio del nuovo anno. Se per allora le vendite non saranno migliorate allora inizierei seriamente a preoccuparmi. Mi piacerebbe sapere però se Pachter parla del Wii U come singola console o se parla di Nintendo in generale. In quest’ultimo caso mi piacerebbe che Pachter iniziasse anche a prendere in considerazione le vendite di 3DS e di quello che inevitabilmente succederà a partire dal prossimo 12 ottobre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *