Devil’s Third – Recensione

Devil's Third-nintendon-15

Parlare del nuovo gioco di Itagaki non è una facile impresa: negli ultimi mesi Devil’s Third è stato un titolo di cui si è chiacchierato molto, purtroppo non con i toni di cui si potrebbe sperare. Si dice che anche la cattiva pubblicità sia buona pubblicità, ma tra critiche alla grafica ed alla fluidità, voci del rifiuto di Nintendo of America di pubblicarlo ed annunci della presenza di microtransazioni, il gioco non ne è uscito bene.

Cosa ancora più rilevante, a mio parere, si è perso un po’ di vista l’argomento fondamentale nel giudicare un simile prodotto: Devil’s Third è effettivamente divertente? Vale la pena acquistarlo per un possessore di Nintendo Wii U?

devil's third rece tatuaggi-06-review-nintendon

Action tamarro come pochi, questo titolo mescola elementi di combattimento melee e di sparatutto, le cui sessioni sono rigorosamente in prima persona se si vuole mirare accuratamente, ed il passaggio da una all’altra modalità della telecamera può apparire un po’ spaesante all’inizio. Di certo la scelta su come farci strada trai numerosi nemici non manca: sono presenti numerose armi, sia da fuoco che da taglio, ed in caso di disperazione possiamo decidere di prendere a pugni l’avversario. D’altronde Ivan è un combattente alto quasi 2 metri e con la corporatura di un frigorifero da ristorante, e possiede inoltre un’innata resistenza ai proiettili, dovuta anche ai suoi tatuaggi, che grazie a speciali pigmenti allontanano le pallottole (non sto scherzando).

La caratterizzazione del protagonista è, a mio parere, ben realizzata. Questo non significa minimamente che il personaggio abbia un particolare spessore intellettuale o dispensi perle filosofiche, né che sia originale o diverso da tutto ciò visto finora, ma implica bensì che Ivan sia perfetto per il suo ruolo: con la sua apparente indifferenza a tutto ciò che lo circonda, esplosioni e sventramenti inclusi, il suo lieve accento russo perfetto per l’atmosfera, e la sua incredibile faccia tosta, svolge perfettamente il compito a lui assegnato dalla storia.

Storia che, peraltro è più che presente, pur essendo a livello dei film americani sul terrorismo prodotti per l’home video: associazioni misteriose e crudeli, satelliti distrutti, modificazioni transgeniche e superleghe di metalli rarissimi fanno la loro comparsa, e non ritengo utile scendere nel dettaglio per non rovinarvi la sorpresa. Pur essendo la trama a volte poco sensata, e pur essendo risibili certi riferimenti a farmaci misteriosi che modificano il DNA, il tutto funziona perfettamente, perché è volutamente eccessivo e sopra le righe.

devil's third rece jane-04-review-nintendon

Anche i boss nemici sono notevolmente tamarri e con caratterizzazione peculiare, e vi capiterà di affrontare anche una donna seminuda che prova a strangolarvi tra le sue cosce. Come fa ad avere sufficiente forza per uccidere un cristone come Ivan? Semplice, è transgenica anche lei.

Le ambientazioni, invece, non sono tutte così particolari: ve ne sono alcune degne di nota, tra cui quella orientale o quella tra i ghiacci, mentre altre sanno un po’ di sparatutto random che si svolge in una base militare qualunque. Ad ogni modo, funzionano abbastanza, ed è sempre ben chiaro dove dobbiamo dirigerci per proseguire nel capitolo. E come si prosegue? Uccidendo senza pietà. I combattimenti corpo a corpo permettono due tipi di attacchi, leggeri o pesanti, con l’arma bianca o con i pugni, e non sono presenti particolari tipi di combo diverse, il che limita un po’ il nostro divertimento.

Possiamo però lockare il nemico e decidere di lanciargli l’arma, o raggiungerlo con un salto poderoso per sferrare un attacco più potente, un’abilità estremamente utile che può permettervi di spostarvi velocemente, evitando i colpi degli avversari. In generale, il combattimento corpo a corpo non è un’impresa da nulla: la difficoltà è piuttosto alta in alcuni frangenti e contro alcuni personaggi, e si muore piuttosto facilmente. Per fortuna – o meglio, purtroppo – in alcuni momenti l’IA dei nemici lascia a desiderare, semplificandoci la vita.

Sparare è decisamente più divertente e più agevole, anche se il mirino non è propriamente preciso, e  mirare in prima persona ci lascia quasi totalmente scoperti ad attacchi nemici. Ciò nonostante, tenersi coperti ed usare un fucile è spesso il modo più facile per superare un determinato livello. La telecamera è a volte imprecisa e non segue sempre adeguatamente il personaggio, creandoci ulteriori grane.

devil's third rece boss-02-review-nintendon

Il problema principale riscontrato nel gameplay è la mancanza di un buon bilanciamento: ci sono tratti in cui un singolo nemico può uccidervi, e scene in cui riuscite a realizzare massacri con un coltellino svizzero. E ancora, ci sono ambientazioni in cui sopravvivere è davvero un’impresa ardua, perché vi si parano davanti schiere e schiere di bestioni con armature resistenti persino a testate nucleari. Può essere davvero frustrante dover ripetere numerose volte lo stesso frammento di gioco, ma d’altra parte è possibile in qualsiasi momento abbassare la difficoltà del titolo, ed inoltre da Itagaki non ci aspettavamo di sicuro un’allegra passeggiatina tra i monti. Ma è bene sottolineare che il problema spesso non sia la difficoltà in sé, quanto la calibrazione del tutto sballata di alcuni attacchi nemici in determinati frangenti.

Arrivando a parlare della grafica, si passa alle note dolenti. Come probabilmente avrete già intuito dall’anteprima del titolo, Devil’s Third in questo comparto fa davvero acqua da tutte le parti, e si salva solo per un discreto modello del personaggio protagonista e per alcune texture ben realizzate. Per il resto, ci troviamo davanti ad un gioco palesemente vecchio, a causa probabilmente della genesi travagliata del titolo e della sua lunga gestazione, con alcune schermate davvero imbarazzanti e con un frame rate che definire traballante è un eufemismo. I cali di frame rate ci sono quasi continuamente, ed in alcune scene con numerose esplosioni può capitare di non capire proprio cosa stia succedendo, decisamente un elemento preoccupante in un gioco così frenetico, e decisamente più grave della scarsa qualità di alcune texture e della brutta caratterizzazione dei personaggi nemici. Passi la bruttezza, insomma, ma la fluidità ben più necessaria per la buona riuscita di un gioco simile. Tocco di classe le compenetrazioni: finirete nei muri più spesso di quanto potete temere.

devil's third rece compenetrazione-03-review-nintendon

Musiche e doppiaggio risollevano la situazione: la soundtrack non è da sottovalutare, e ci sono alcuni brani particolarmente interessanti, come quelli delle boss fight, inoltre le voci dei personaggi sono adatte e ben interpretate. Manca la traduzione italiana però, non solo nell’audio ma anche nel testo a schermo e nei sottotitoli, perciò se non ve la cavate con l’inglese potreste avere problemi, anche se il livello di conoscenza della lingua richiesto è davvero minimo.

La modalità multiplayer di Devil’s Third fa storia a sé: ampia e con numerose modalità, permette di personalizzare – non troppo, ma include anche personaggi femminili – il proprio avatar, di acquistare equipaggiamento e di scegliere che sfida affrontare. Sono mostrate online tutte le caratteristiche di ogni giocatore, incluso il suo rank, le sue medaglie e le sue varie abilità. Mi piacerebbe molto potervi descrivere con abbondanti dettagli il multiplayer, ma purtroppo non sono riuscita a provarla interamente nemmeno una volta, poiché, in giorni e giorni di tentativi, non si è mai raggiunto il numero minimo di partecipanti per una qualsiasi delle modalità previste. Immagino che sarà ben più facile giocarla dopo il lancio del titolo nei negozi, e prevedo di provarla e scrivere il mio parere al riguardo, perché onestamente credo possa essere una valida aggiunta alla campagna single-player, decisamente non da sottovalutare. Nei miei brevi tentativi sono però riuscita ad intravedere che le uova d’oro, ottenibili solo spendendo soldi reali, sembrerebbero permettere di acquistare equipaggiamento con apparente funzione solo estetica, ma che fornisce anche veri e propri potenziamenti. Appare dunque molto seccante la presenza delle microtransazioni, in un gioco non FTP, nel quale avrebbero dovuto almeno permettere di scegliere se ottenere le uova acquistandole o scambiandole con valuta in-game. Per acquistare 50 golden eggs sono necessari 12.99€, e se ne ottengono 30 in regalo connettendosi la prima volta.

devil's-third-09-review-nintendon

Come tirare dunque le somme di questo titolo? Ci sono problemi in diversi aspetti di Devil’s Third, ed è tristemente ovvio come non sia il capolavoro che tutti noi sognavamo e ci aspettavamo da Itagaki. Appare evidente come il team più piccolo e il budget decisamente più modesto non abbiano aiutato la genesi del gioco, che sarebbe potuto essere molto più curato di come appare oggi. Ciò nonostante, non mi pare corretto affossarlo totalmente, per un semplice e chiaro motivo: lo trovo a suo modo divertente.

Frustrazioni e frame rate ballerino a parte, ci si può effettivamente divertire, si può ridere di fronte alle assurdità della trama e del comportamento di Ivan, e soprattutto si possono esplorare le diverse modalità dell’online, che appaiono quantomeno promettenti. Meno divertente appare il prezzo di listino, poiché 60 euro per un titolo problematico come questo possono sembrare una cifra davvero elevata. Ancora meno divertente la necessità di spendere soldi reali per ottenere gli equipaggiamenti nell’online.

Se prenderlo al lancio o attendere un po’ di tempo, sta a voi. Vi assicuro però che Devil’s Third non è il male assoluto che si possa pensare, e che vi regalerà diverse ore di svago.

Tags:

Che ne pensa NintendOn?

recensisceDevil's Third""

6.5

Pro

  • folle e tamarro
  • ha i suoi momenti divertenti

Contro

  • grafica datata e frame-rate altalenante
  • difficoltà sbilanciata
  • telecamera problematica
  • microtransazioni nell'online

Galleria immagini

  • Draco

    Voi dite 6.5
    Io dico scaffle.
    Questa recensione conferma i miei dubbi.

    • Noirele

      E non comprarlo allora 😀 di sicuro non ti perdi un capolavoro, su questo siamo concordi

  • non avevo grandi aspettative, però rimango curioso di provarlo un giorno.

  • Crafty

    Non me la sento di comprarlo, non tanto per l’essenza del gioco molto controversa ma per la realizzazione tecnica che lascia molto a desiderare. Tra qualche giorno esce Super Mario Maker e nei prossimi mesi usciranno altri bei giochi, non mi va adesso di spendere così tanto per un gioco che mi convince davvero poco. Sicuramente un giorno lo recupererò, credo ci vorrà poco a trovarlo nei cestoni a pochi spicci…

    • Noirele

      Penso che molti faranno così, e non me la sento di biasimarli

    • è la scelta migliore

    • Della realizzazione tecnica frega poco, ma non mi convince il gameplay, quindi per ora sta bene sugli scaffali. Quando scenderà, però, lo prenderò, quanto meno per poter giudicare con i miei occhi “il passo falso di Itagaki”.

  • Giuseppe Di Dio Roccazzella

    gli hai messo il voto + bello di tutta l’internet noirele XD

    il peggior gioco mai prodotto da nintendo dopo geist ?

    • Noirele

      Beh non è prodotto da Nintendo.:P e comunque non so, per me c’è di peggio…
      Comunque per la cronaca, ci sono dei siti italiani che gli hanno dato più di me 😀 e io resto fissa del mio parere: non è un capolavoro ma non è insufficiente.

      • la mancata localizzazione aggrava il tutto a prescindere dal gioco

  • Bisognerebbe aggiungere tra i contro la mancanza della lingua italiana e di conseguenza togliere almeno un altro mezzo punto

    • Noirele

      C’è nella recensione, ma per me non è un contro. La lingua non è un problema sinceramente, tanto più che la trama non è così essenziale

      • Ho letto la recensione, infatti erroneamente pensavo di trovare i sottotitoli in italiano.
        Per me la mancata localizzazione corrisponde a una mancanza di considerazione del nostro paese e questo per me conta non poco, se poi la trama necessita o meno di una traduzione è solo un fattore relativo.

        • Noirele

          Beh ma non c’è nemmeno in tedesco e spagnolo, per dire. Immagino abbiano dovuto contenere i costi =

          • Quindi inglese per tutti… Un detto dice come spendi mangi, se hanno dovuto contenere i costi non possono sperare in buoni guadagni e allo stesso tempo non possono e non devono pensare che il loro gioco vale 60 euro.
            Di sicuro in futuro lo prenderò ma solo perché fino ad ora ho collezionato tutte le esclusive Wii U e di sicuro solo a un prezzo vicino alle 20 euro.

          • Noirele

            Secondo me se lo avessero distribuito solo via eShop a 30 euro, alla fine avrebbero guadagnato pure di più

          • Molto probabile ma anche in retail il prezzo sarebbe dovuto essere il solito, ovvero 40 euro

  • “L’avevo detto io?”

  • NicknameAcaso

    Sarò sincero.
    Per quanto nel complesso io sia deluso di come sia venuto fuori…
    trovo che stia venendo massacrato dalla critica oltre ogni decenza. Non si tratta di difendere il titolo, ma il buonsenso. Non può prendere meno di sonic boom. Cioé, non esiste.
    Ho apprezzato la tua rece, come al solito ben ponderata nelle considerazioni. E il voto finale mi pare azzeccato. É quello che a pelle mi sento per ora di dargli.

    • Sanji.

      Su altri lidi ho visto cose assurde..:
      Cose che dei recensori in gamba non avrebbero mai detto/fatto.
      Concordo con te.
      Questa recensione è una delle più serie fatte per questo gioco (e di recensioni serie ne ho contate 3, TRE).

    • Noirele

      Forse non dovrei dirlo, ma concordo. Alcune recensioni non le comprendo proprio. Grazie!

  • Sanji.

    Ottima recensione! La aspettavo 😀
    Fatta come si deve XD

    Che dire, era quello che mi aspettavo, ne di più, ne di meno.
    Proverò il free-to-play su Steam, poi lo cercherò comunque a poco 😀

  • MerLock

    Per quante ne ha sparate Itagaki, io 1 gli avrei dato.

    • Noirele

      La simpatia o antipatia di Itagaki non ha nulla a che vedere con la valutazione dei suoi giochi

      • MerLock

        per carità, è verissimo, infatti era un’affermazione volutamente provocatoria, e non c’entra nulla un eventuale astio nei suoi confronti (che tra parentesi nemmeno c’è da parte mia). Però se ti metti a dire “il mio capolavoro, il gioco che rivoluzionerà gli action game” e compagnia briscola, e poi sforni sta cosa no, non va bene. E’ ovvio che ognuno tira acqua al proprio mulino, ma lui è stato davvero ridicolo.

        • Noirele

          Ah su questo concordo, non è una mossa particolarmente saggia…e senza dubbio in parte ha influito sull’opinione che alcuni si sono creati

logo-bianco

NINTENDON EVENTI

Per la tua pubblicità su NINTENDON.IT

Regolamento Forum - Contatti - Nicer Design

Privacy Policy

Informativa estesa sui Cookie

©2017 NintendOn Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari.

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account